venerdì 10 febbraio 2017

io non sono te

Ogni tanto la becco ... che si guarda allo specchio con la mano sulla vita in posizione un po' da velina ...
ora io non so chi le ha insegnato ... qualche bimba più grande ... qualche cartone in tv ... qualche animatore a una festa ... non lo so
lui invece non può fare una foto senza fare una smorfia aggressiva, senza fare il simbolo della vittoria, senza fare la linguaccia, senza fare la posa da duro.

Il suo papà lo sveglia ogni mattina con una cantilena così dolce amorevole e accogliente da far squagliare i cuori e la sua mamma si trucca certo ma non fa foto in posa da vamp ... tutto siamo come esempi di genere tranne quello che poi vedo in loro in quei momenti

e vestiamo lei da supereroina e facciamo giocare con i brillantini e i glitter lui

ma il potere formativo di tutto quello che incontrano fuori dalle nostre mura è comunque così potente da trasmettergli l'immagine di come devono sembrare ... come devono mostrarsi al mondo

lei smorfiosa
lui un duro

quando ho detto a lei "papaverina non fare le foto facendo quelle mosse, ma hai mai visto mamma fare quelle smorfie quando fa le foto?"
mi ha detto piangendo e urlando perchè offesa dal mio giudizio sul suo mostrarsi:

"MA IO NON SONO TEEEEE"

ah ha sempre 4 anni lei eh ... comunque mi ha freddato.
touchè

L'ho abbracciata e le ho detto "hai ragione bimba, ma la mamma ti dice cosa è giusto per lei, poi sta a te decidere cosa fare"

hai voglia a far fare a lei giochi di numeri e sportivi e hai voglia a parlare dei suoi sentimenti e delle sue debolezze con lui ... il potere di quello che c'è fuori dalle porte di casa mia è troppo forte

e non voglio farli vivere come gli Amish ... però che cazzo mondo ... ti regalo una bambina forte intelligente e decisa e lei torna a casa che mi domanda  "sono carina?" mettendo tutti i capelli da un lato, sulle spalle ...
ti regalo un bambino che sa parlare di cosa sente e coccola il suo pupazzo come solo un padre amorevole può fare .... e lui torna a casa che vuole sparare a tutti cone le sue dita a forma di pistola

che cazzo mondo io ci metto il mio e ce ne metto pure tanto
potresti partecipare pure tu
che cazzo

... e se invece il potere forte non fosse il potere di quello che c'è fuori casa mia, ma il potere di quello che c'è realmente dentro i miei bambini?

lunedì 30 gennaio 2017

In due

Non sempre si ha la possibilità di passare del tempo a tu per tu
c'è sempre rumore, c'è sempre qualcuno che reclama la tua attenzione al di fuori, c'è sempre qualcuno scontento perchè non pensato
invece abbiamo passato 4 giorni io e te

abbiamo fatto la nostra cena romantica
abbiamo parlato di cose serie e meno serie
abbiamo dormito occupando tutti i letti della casa
abbiamo invitato e fatto le 3 di notte
abbiamo dormito fino a tardi
abbiamo fatto compere senza guardare l'orologio
abbiamo preso il motorino e raggiunto tutto in un lampo
abbiamo scelto cosa fare ogni istante guardandoci negli occhi
abbracci baci e frasi d'amore
... ci siamo amate da impazzire
io e la donna della mia vita

4 è un bel numero, noi amiamo stare in 4, ma quando c'è il tempo per coccolarsi in due ... che si sia innamorati, o che si sia mamma e figlia ...
il risultato è sempre soprendentemente intenso.

Chiccodigrano la prossima volta tocca a te
ci regaliamo un weekend da soli, manchi solo tu perchè con papà già ce ne sono in programma

... ora tornate per piacere che ci mancate.




mercoledì 14 dicembre 2016

C2

Oggi ho indossato un fiore arancio sullo sciarpone di lana che mi scalda il collo.

Ieri abbiamo avuto i risultati della biopsia delle cellule prelevate con un ago dal mio seno sinistro.

Il reperto dice C2: benigno.

Lo sapevo, lo sapevamo già ma dai nostri occhi sono comunque scese lacrime.
Di gioia.
Di sollievo.

Controllatevi ragazze per piacere, per un mese e mezzo ho maledetto i miei 3 anni di buio nei controlli al seno. Ultima ecografia novembre 2013.

Per mia madre sono bastati due anni di buio.

Ieri luna enorme.
Oggi fiore arancio e mare scintillante e sorrido di cuore.

Sorrido di cuore dell'anello che lui mi ha regalato sulla giostra di Montmartre mentre festeggiavamo i suoi 40 anni.

Ho un uomo che per il suo compleanno mi ha regalato un sogno romantico fra una presa in giro e un "però non significa quello che pensi tu".
Ho un uomo che mi ha regalato un sogno romantico anche se non ama il romanticismo.
Ho un fiore arancio.

Sono fortunata.

lunedì 14 novembre 2016

i tre poteri

Racconto ai miei figli, che ognuno di noi ha avuto in dono 3 poteri alla nascita, come quelli che le 3 fate hanno regalato ad Aurora.
Gli racconto che i miei 3 doni sono:
  • gli occhi trasparenti
  • saper muovere le orecchie
  • fare dei figli meravigliosi
Due su tre li ho ereditati da mia madre e mio padre, lei aveva gli occhi verdi di cristallo, lui sa ancora muovere le orecchie, delle enormi orecchie, alla grande.

Credo di aver regalato a papaverina gli occhi trasparenti e a chiccodigrano il potere dei numeri, che, per quanto sia potente in me, in lui è davvero poderoso.

Al momento nessuno di loro muove le orecchie, ma ci provano ogni volta che gli racconto questa storia e fanno delle facce così buffe che mi confermano puntualmente che ho davvero il terzo potere: quello di fare dei figli meravigliosi.

venerdì 11 novembre 2016

Drago sputafuoco

Quando ti capita che ti stanno presentando in un contesto lavorativo, lo stanno facendo con rispetto e attenzione, sottolineando la tua formazione e dicendo che sei stata scelta per le tue passate esperienze lavorative e le tue spiccate capacità tecniche ...
e ti capita che la persona a cui ti stanno presentando interrompe chi ti sta introducendo per completare la sua frase con una battuta "imperdibile" accompagnata da un sorriso da piacione ossia dicendo che  ... sei stata assunta sicuramente "per gli splendidi occhi azzurri" ...
Tu che fai?

Io ho taciuto. 

Ma mi sono portata un'incazzatura dentro che sono stata come un drago sputafuoco per giorni ...
fulmini e saette da quegli occhi ... altro che splendidi occhi azzurri.

Sappi che se invece rispondi a tono ... sei una stronza ...
Però ragazzi mi sa che è meglio stronza che drago sputafuoco per giorni, e scusatemi tutti ma sappiate che stronze ci diventiamo ... non è che ci disegnano così.

I sorrisi

Papaverina "mamma che vuol dire che Trilly è gelosa di Wendy?"
Io "Che Trilly vorrebbe che Peter Pan fosse solo amico suo, non vuole che lui sia amico anche di Wendy, poi Trilly forse è un po' innamorata di Peter e ha paura che lui si innamori di Wendy"
Chiccodigrano "Io sono geloso di papaverina, perchè non voglio che voi diate attenzioni a lei, io le voglio tutte per me le attenzioni"
Papaverina "mamma tu sei gelosa di papà?"
Io "certo io non voglio che papà si fidanzi con un'altra e quindi sono gelosa, però se papà sta bene con un amico o un'amica io non sono gelosa"
Papaverina "Quindi non sei gelosa se papà passa del tempo con un amico"
Io "no anzi sono felice se lo fa"
Chiccodigrano ossessivo "Io sono geloso di papaverina, perchè voglio che voi amiate solo me, non papaverina"
Papaverina sorridente " Io sono gelosa di tutta la famiglia perchè vi amo tutti e tre e vi voglio tutti per me"

Guardiamo un film per ragazzi con molte battute, chiccodigrano ride a crepapelle gli piacciono gli alieni in soffitta.
Lei sorride
E mentre sorride le chiedo
"papavera ma stai capendo tutto di questo film? ti piace?"
lei sempre sorridente mi guarda e risponde
"No mamma non sto capendo niente, ma mi piace"

Un sorriso che spezzerebbe una trave di acciaio.

giovedì 10 novembre 2016

Di cosa hai paura tu?

Che poi io la mammografia l'ho fatta.
E mi sono pure cacata sotto.
Perchè se vedi scritto "lieve opacità simil-nodulare" non è che ti fai una risata,
poi ho fatto l'ecografia ed è venuta meglio.
Ho fatto la visita con un senologo ed è abbastanza tranquillo pure lui che non è nulla, ma stiamo ancora decidendo se bucarla o no questa  lieve opacità simil-nodulare del cacchio che probabilmente non è un cavolo ...
probabilmente non è un cavolo, ma io comunque mi sono cacata sotto.
E comunque ho fatto pensieri macabri ed atroci.
Perchè stai parlando di verdura a casa dell'ortolano.
Ma dentro di me sono tranquilla perchè non sarà un cazzo questa lieve opacità simil nodulare del cacchio.

Però ho chiamato quella dottoressa.
Dopo 10 anni l'ho richiamata.
E l'ultima volta l'avevo chiamata per dirle di lei
e lei aveva solo risposto "ah si. D'accordo grazie",
e ci ero rimasta di merda.
Ma poi ho capito, perchè ho saputo che era con una paziente e non voleva farle capire che avevo chiamato per dirle che un'altra sua paziente era morta.

Quindi l'ho chiamata dopo 10 anni.
Ho risentito quella voce.
Ho rivisto quegli occhi liquidi che ti scavano dentro.

E ha fatto due domande, solo due:
 a me ha chiesto
"hai fatto il test genetico tu?"
e a lui ha chiesto
"tu la ami?"
e in due domande ha centrato le paure della mia vita.

Ora capite perchè non volevo fare quella telefonata?
non perchè ho paura di questa lieve opacità simil-nodulare del cacchio,
ma perchè ho paura.